03/08/2008 - Congresso internazionale di dermatologia plastica: dermocosmetologia e inve...

10/05/2008 - Come diagnosticare e trattare le onicomicosiIl corso è rivolto ai medici sp...

05/05/2008 - IV corso di dermatopatologia al microscopio multivisione IL CORSO CONSISTE...

 
A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Acromie cutenee
Allergie da farmaci
Eczema
Ghiandole sebacee
Infezioni batteriche
Infezioni fungine
Infezioni virali
Lichen
Linfomi
Mal.Ematologiche
Mal.Endocrine
Mal.Fotoindotte
Mal.Genetiche
Mal.Immunitarie
Mal.Metaboliche
Mal.Mucose
Mal.Nutrizionali
Mal.Parassitarie
Mal.sess.trasmesse
Malattie dei peli
Malattie vascolari
Melanoma
Pigmentazioni cut.
Precancerosi
Psicosomatosi
Psoriasi e ittiosi
Tumori benigni
Tumori maligni
Unghie malattie
Varie

Mal.Metaboliche - Acetone (disordine metabolico)

Acetone è il nome comune con cui viene chiamata l'acetonemia, ovvero la presenza di corpi chetonici nel sangue dei bambini. L'acetone non è generalmente considerato una malattia, ma una sintomatologia che accompagna alcune malattie.

E' un disordine metabolico che si verifica quando l'organismo, per far fronte ai propri bisogni energetici, una volta esauriti gli zuccheri inizia a bruciare i grassi. L'acetone è una sostanza che ha origine dalla digestione dei grassi e che, in condizioni normali, viene trasformata in anidride carbonica ed acqua.

In situazioni particolari quali febbre, stress, digiuno, il fisico non è in grado di smaltire queste sostanze che, pertanto, si accumulano.

L'acetone colpisce prevalentemente nella prima e nella seconda infanzia. Raramente si riscontra superati gli 8-10 anni.

Cause

Nella maggior parte dei casi non esistono cause vere e proprie, essendo l'acetone prevalentemente sintomo di una malattia già in essere. Tuttavia, in alcuni casi, un'alimentazione errata (ricca di grassi) può provocare l'acetone. Così anche la presenza di una forte destabilizzazione emotiva o, come causa esterna, un intenso sforzo fisico. Più raramente l'acetone può manifestarsi in presenza di diabete, a causa della carenza dell'insulina.

Sintomi

I sintomi principali sono rappresentati da vomito copioso, dolori addominali, lingua asciutta e biancastra, sonnolenza, irritabilità, alitosi e, infine, rifiuto quasi assoluto del cibo.

Possibili rimedi

Prima di tutto occorre accertarsi della presenza di acetone: su consiglio del pediatra è possibile acquistare in farmacia un kit che consiste in una striscia reattiva da bagnare con l'urina del bambino. Questa, in presenza di acetone, reagisce in pochi minuti cambiando colore.

E' quindi necessario sospendere tutti quegli alimenti ricchi di grassi (latticini e derivati, uova, dolci grassi) ed intensificare la somministrazione di sostanze contenenti zuccheri: spremute, succhi di frutta, cola, acqua zuccherata. Ai bambini sopra l'anno di età è possibile somministrare anche il miele.

Seguendo questa dieta l'acetone si cura generalmente nell'arco di 24-48 ore.

Nei casi più gravi è possibile somministrare, previa prescrizione del pediatra, degli appositi farmaci. Qualora a causa del vomito non sia possibile somministrare bevande zuccherate (perché rigettate subito) è possibile praticare la fleboclisi.

Bibliografia

  • Bartolozzi, G.; Guglielmi, M. (2003) Pediatria, Milano, Masson, ISBN 8821426882
  • Ventura, A.; Marchetti, F.; Lazzerini, M. (2003) Gastroenterologia pediatrica, Pisa, Primula Multimedia, ISBN 9788887344721

inserita da: il 07/04/2008

Torna Indietro

     
 
Sei un ricercatore ? Sei un medico ?
Vuoi collaborare scrivendo un articolo su
Dermatologia Genitale ?
Entra nell'area editori.
 
Inserisci il tuo indirizzo e-mail, per ricevere gli aggiornamenti di Dermatologia Genitale.

® 2007 Dermatologia Genitale. Tutti i diritti sono riservati.