03/08/2008 - Congresso internazionale di dermatologia plastica: dermocosmetologia e inve...

10/05/2008 - Come diagnosticare e trattare le onicomicosiIl corso è rivolto ai medici sp...

05/05/2008 - IV corso di dermatopatologia al microscopio multivisione IL CORSO CONSISTE...

 
A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Acromie cutenee
Allergie da farmaci
Eczema
Ghiandole sebacee
Infezioni batteriche
Infezioni fungine
Infezioni virali
Lichen
Linfomi
Mal.Ematologiche
Mal.Endocrine
Mal.Fotoindotte
Mal.Genetiche
Mal.Immunitarie
Mal.Metaboliche
Mal.Mucose
Mal.Nutrizionali
Mal.Parassitarie
Mal.sess.trasmesse
Malattie dei peli
Malattie vascolari
Melanoma
Pigmentazioni cut.
Precancerosi
Psicosomatosi
Psoriasi e ittiosi
Tumori benigni
Tumori maligni
Unghie malattie
Varie

Mal.Metaboliche - Gotta

La gotta M10 è un quadro sintomatologico secondario all'iperuricemia E79.0, cioè alla presenza nel sangue di elevati tassi di acido urico (>6,4 mg/dl o >380 micromol/L).

Nelle donne l'acido urico aumenta soprattutto dopo la menopausa, per la riduzione degli estrogeni che hanno un effetto uricosurico. Nei paesi industrializzati circa il 20% degli uomini hanno un tasso di urato >7 mg/dl (>416 micromol/L). La gotta fa parte della sindrome del benestante, un quadro patologico caratterizzato da obesità, diabete DM2, dislipidemie, ipertensione essenziale. Questo insieme favorisce l'arteriosclerosi.

Il rischio di gotta aumenta con l'elevazione dell'uricemia: per un tasso >9 mg/dl (>535 micromol/L) circa il 5% annuo. Il rischio di nefrolitiasi è dello 0,2% annuo in un soggetto iperuricemico asintomatico e dello 0,8 in un gottoso.

Eziologia

  1. Iperuricemia e gotta primarie
  2. Iperuricemia secondaria
    • per aumentato turnover degli acidi nucleici (tumori, leucemie, policitemia, trattamenti chemioterapici o radioterapici, anemie emolitiche);
    • per eliminazione renale diminuita (malattie renali, acidosi, farmaci).
    • da farmaci (diuretici, acido acetilsalicilico) per aumentata ritenzione acido urico.

Patologia

L'urato nell'organismo umano è di circa 1g, ma può arrivare a 30g nel gottoso. Ogni giorno 350mg si accumulano per apporto esterno o sintesi endogena. L'eliminazione viene portata a termine per 2/3 dai reni e per 1/3 dall'intestino.

Depositi di cristalli d'urato si ritrovano nel liquido sinoviale saturato. Questi cristalli vengono fagocitati dai granulociti, cosa che libera dei mediatori infiammatori e causa sinovite.

Abbiamo quattro stadi

  1. iperuricemia asintomatica, molto più frequente della gotta vera
  2. crisi acuta
  3. stadio intercritico asintomatico
  4. gotta cronica, con formazione di tofi e danni articolari irreversibili.

Gotta acuta

Fattori scatenanti sono gli eccessi alimentari o etilici.

Una monoartrite iperacuta, molto dolorosa, sopravviene più spesso bruscamente, di notte, nel 60% dei casi all'alluce (prima articolazione metatarso-falangea). Il peso del semplice lenzuolo può risultare insopportabile. Abbiamo rossore, gonfiore e aumento locale della temperatura. Altre localizzazioni sono le caviglie, il ginocchio, il pollice.
In una persona anziana la gotta si può presentare come poliartrite.

La crisi è accompagnata da segni generali (febbre, leucocitosi, aumento della VES). L'iperuricemia non è obbligatoria.
Dopo un intervallo da qualche giorno a 3 settimane, la crisi s'interrompe.

Gotta cronica

Molto ridotta rispetto al passato, individuabile più che altro nei pazienti con bassa compliance.

Si osservano tofi (accumuli di cristalli di urato a livello tendineo) sia nei tessuti molli che a livello osseo (visibli alla radiografia). Son presenti mutilazioni articolari. Tra le manifestazioni renali

Diagnosi

La diagnosi differenziale si pone tra le due forme primaria e secondaria, nonché con artriti d'origine differente. La condrocalcinosi, detta anche pseudogotta, è un'infiammazione delle cartilagini articolari da deposizione di sali di pirofosfato. Tali cristalli sono visibili nel liquido articolare al microscopio a polarizzazione.

Trattamento

  • Fondamentale è il mantenimento di un adeguato peso corporeo.
  • Evitare gli alcolici e una dieta troppo ricca in purine (almeno <300 mg purine al giorno).
  • Bere abbondantemente al fine di assicurare una diuresi minimo di 1,5L al giorno (fare attenzione ai diuretici, che diminuiscono l'uricosuria).

Il fondamento della terapia nel caso di attacco acuto è la somministrazione di antinfiammatori come la colchicina e i FANS, a seconda dell'età e delle eventuali patologie associate.
Per esempio nell'anziano i FANS possono essere abbastanza tossici. I FANS sono efficaci nel 90% dei pazienti e la scomparsa dei sintomi si verifica nell'arco di 5-7 giorni. Gli inibitori della Cox-2 sono altrettanto efficaci e possono essere utilizzati dagli anziani, poiché causano minori effetti collaterali.

Per portare l'acido urico a livelli normali, e cioè <300 micromoli al litro (5mg/dl), al fine di prevenire attacchi ricorrenti di gotta ed eliminare i depositi tofacei, è necessario perseguire una terapia a lungo termine. Questo soprattutto quando non si può ottenere un buon controllo con terapie non farmacologiche, e cioè una dieta a basso contenuto di purine, elimininazione di alcol, diuretici, maggiore assunzione di liquidi.

L'allopurinolo è il miglior farmaco per ridurre i livelli di acido urico in caso di pazienti iperproduttori, o predisposti alla formazione di calcoli. Aumenta la sua tossicità in pazienti con insufficienza renale. E soprattutto non dovrebbe essere utilizzato in pazienti con attacco acuto. Mentre i FANS non hanno ruolo nella profilassi.

Il probenecid viene utilizzato in caso di uricosuria (cioè urato nelle urine) normale.

Alcuni studi clinici e metanalisi hanno evidenziato che i coxib (inibitori selettivi delle cox-2) mostravano un'aumentata incidenza di eventi avversi di natura cardiovascolare e cutanea rispetto al placebo (oppure hanno portato al ritiro dal mercato di alcune molecole, per esempio il rofecoxib nel settembre 2004 e il valdecoxib nell'aprile 2005) e stimolato un processo di revisione delle indicazioni terapeutiche per l'intera classe dei COX-2 inibitori e per i FANS non selettivi da parte della FDA e dell'EMEA, le autorità sanitarie rispettivamente degli Stati Uniti d'America e della Comunità Europea.

inserita da: il 07/04/2008

Torna Indietro

     
 
Sei un ricercatore ? Sei un medico ?
Vuoi collaborare scrivendo un articolo su
Dermatologia Genitale ?
Entra nell'area editori.
 
Inserisci il tuo indirizzo e-mail, per ricevere gli aggiornamenti di Dermatologia Genitale.

® 2007 Dermatologia Genitale. Tutti i diritti sono riservati.