03/08/2008 - Congresso internazionale di dermatologia plastica: dermocosmetologia e inve...

10/05/2008 - Come diagnosticare e trattare le onicomicosiIl corso è rivolto ai medici sp...

05/05/2008 - IV corso di dermatopatologia al microscopio multivisione IL CORSO CONSISTE...

 
A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Acromie cutenee
Allergie da farmaci
Eczema
Ghiandole sebacee
Infezioni batteriche
Infezioni fungine
Infezioni virali
Lichen
Linfomi
Mal.Ematologiche
Mal.Endocrine
Mal.Fotoindotte
Mal.Genetiche
Mal.Immunitarie
Mal.Metaboliche
Mal.Mucose
Mal.Nutrizionali
Mal.Parassitarie
Mal.sess.trasmesse
Malattie dei peli
Malattie vascolari
Melanoma
Pigmentazioni cut.
Precancerosi
Psicosomatosi
Psoriasi e ittiosi
Tumori benigni
Tumori maligni
Unghie malattie
Varie

Infezioni virali - Epatite virale A

L'epatite virale A è una forma di epatite virale causata dal virus dell'epatite A (HAV)

Eziologia

Il virus dell'epatite A è un virus a RNA a catena lineare appartenente ai picornaviridae, non dotato di envelope, la cui particella virale è dotata di 4 polipeptidi capsidici (VP1,VP2,VP3 e VP4). Presenta come organo elettivo di replicazione il fegato e viene eliminato con le feci, eliminazione che è massima nell'ultimo periodo di incubazione (è presente nelle feci 7-10 giorni prima dell’esordio della malattia).

Vie di contagio e incubazione

Il periodo medio di incubazione è intorno alle 4 settimane.
Si trasmette quasi esclusivamente per via oro-fecale, mentre del tutto insolita ma possibile è la trasmissione percutanea così come quella sessuale.
Il contagio è più frequente in autunno e nella fase iniziale dell'inverno.
In Italia fattori di rischio per infezioni da HAV sono il consumo di frutti di mare, bere acqua contaminata o effettuare viaggi in aree dove l'epatite A è endemica, ma anche il lavoro in scuole materne o in unità di terapia intensiva neonatale può aumentare il rischio di infettarsi.
La presenza dei virus nelle feci, riscontrabile nelle 2 settimane che precedono l’esordio della malattia e nella prima settimana del decorso clinico, cessa quando la SGOT o la bilirubina raggiungono il loro picco.
Durante l’incubazione e durante il primo manifestarsi della fase acuta, il paziente può aver contagiato coloro che hanno avuto contatti stretti con lui.
Contatti occasionali, lavoro o scuola in comune non sono da considerarsi eventi a rischio di contagio. Se la malattia interessa un bambino o un neonato, tutti coloro che hanno giocato con lui o sono venuti in contatto con i suoi pannolini, durante il periodo infettivo della patologia, potrebbero averla contratta. Nei tali casi è da prendere in considerazione la profilassi con immunoglobuline.
L’epatite A non si trasmette per via parenterale.
Dopo la guarigione si ha un’immunità permanente dal virus HAV, quale sia stata la gravità della patologia.

Epidemiologia

Mentre nei paesi in via di sviluppo l'esposizione e l'infezione da HAV sono già presenti in età infantile, nei paesi industrializzati col miglioramento delle condizioni socio-economiche e la diminuzione dell'esposizione in età infantile si è avuto un aumento del numero di adulti suscettibili. Essendo l'infezione da HAV più sintomatica negli adulti che in età infantile paradossalmente con la diminuzione della frequenza delle infezioni si è rilevato un aumento delle infezioni clinicamente manifeste.

Quadro clinico

A differenza dell'epatite B,C e D, l'epatite A non cronicizza, ovvero si sviluppa solo nella forma acuta e mai in quella cronica. Frequenti sono inoltre le forme asintomatiche.
La malattia si manifesta con i seguenti sintomi:
-Periodo preitterico: astenia, malessere, perdita di appetito, nausea, vomito, febbre
-Periodo itterico: urine scure, feci chiare, comparsa di ittero e prurito
Nel bambino la manifestazione prevalente è la diarrea, anche se come già detto nell'età infantile prevalgono le forme subcliniche.
Non sono frequenti le forme fulminanti, che comunque in genere si manifestano dopo i 50 anni.

Diagnosi

La diagnosi si basa sulla ricerca di anticorpi di classe IgM anti-HAV

Prognosi e complicanze

I pazienti senza altre malattie concomitanti che si ammalano di epatite A guariscono generalmente tutti senza sequele cliniche, e la mortalità per epatite A è in genere dello 0.1%, ma aumenta in soggetti anziani o debilitati.
Raramente possono manifestarsi forme recidivanti, forme colestatiche o forme fulminanti.

Immunizzazione

È possibile sia l'immunizzazione passiva con immunoglobuline che la vaccinazione.
L'immunizzazione pre-esposizione con immunoglobuline è indicata in caso di viaggi in paesi tropicali, in paesi in via di sviluppo o in zone non abitualmente frequentate da turisti. È possibile anche l'immunizzazione post-esposizione in caso di parente o convivente con epatite A o in caso di bambini di scuole materne in cui sono stati identificati casi di epatite A.
Dosaggio di immunoglobuline commerciali (ISG): 0,5 ml nei bambini piccoli, 1 ml nei più grandi, 2 ml negli adulti. L’efficacia della profilassi dipende dalla tempestività con cui è praticata. L’immunizzazione dura da 3 a 6 mesi.
Il vaccino conferisce protezione dopo 4 settimane dalla prima dose, è efficace fino a 20 anni dopo la vaccinazione ed è raccomandato in caso di viaggio di zone endemiche, per personale militare, per soggetti impiegati in asili nido, per tossicodipendenti che fanno uso di droghe endovenose, per soggetti che necessitano di trasfusioni, per pazienti con epatopatie croniche e per personale che lavora in unità di terapia intensiva.

Bibliografia

Harrison, Principi di medicina interna

inserita da: il 19/02/2008

Torna Indietro

     
 
Sei un ricercatore ? Sei un medico ?
Vuoi collaborare scrivendo un articolo su
Dermatologia Genitale ?
Entra nell'area editori.
 
Inserisci il tuo indirizzo e-mail, per ricevere gli aggiornamenti di Dermatologia Genitale.

® 2007 Dermatologia Genitale. Tutti i diritti sono riservati.