03/08/2008 - Congresso internazionale di dermatologia plastica: dermocosmetologia e inve...

10/05/2008 - Come diagnosticare e trattare le onicomicosiIl corso è rivolto ai medici sp...

05/05/2008 - IV corso di dermatopatologia al microscopio multivisione IL CORSO CONSISTE...

 
A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Acromie cutenee
Allergie da farmaci
Eczema
Ghiandole sebacee
Infezioni batteriche
Infezioni fungine
Infezioni virali
Lichen
Linfomi
Mal.Ematologiche
Mal.Endocrine
Mal.Fotoindotte
Mal.Genetiche
Mal.Immunitarie
Mal.Metaboliche
Mal.Mucose
Mal.Nutrizionali
Mal.Parassitarie
Mal.sess.trasmesse
Malattie dei peli
Malattie vascolari
Melanoma
Pigmentazioni cut.
Precancerosi
Psicosomatosi
Psoriasi e ittiosi
Tumori benigni
Tumori maligni
Unghie malattie
Varie

Unghie malattie - Onicofagia

L'onicofagia è l'abitudine di mangiare le unghie delle mani o dei piedi durante periodi di nervosismo, stress o noia (EN) [1]. Può anche essere un segno di disordine mentale o emotivo, ma è spesso osservabile anche negli intellettuali.

È affetto da onicofagia il:

  • 28% dei bambini dai 7 ai 10 anni;
  • 44% degli adolescenti;
  • 19%-29% dei giovani adulti;
  • 5% degli anziani

L'onicofagia è più comune nel sesso maschile che in quello femminile.

Effetti negativi e positivi

L'onicofagia può provocare il trasporto nella bocca dei germi che si trovano sotto la superficie dell'unghia. Anche nei saloni di bellezza vengono utilizzati strumenti che possono infettare in una maniera simile. "Se questi strumenti vengono utilizzati su persone diverse, possono diffondere funghi, batteri o virus", avverte Rick Lopes, il portavoce del California Board of Barbering and Cosmetology. Quindi si deduce che molti agenti patogeni possono "vivere" al di sotto delle unghie, per questo mangiare le unghie può potenzialmente causare problemi di salute.

Può anche accadere il contrario. Un onicofago può essere tentato di mangiare non soltanto le unghie, ma anche la pelle e le cuticole circostanti, causando il trasferimento di microbi ed infezioni virali dalla bocca alle dita.

L'onicofagia ha anche l'effetto negativo di reprimere l'uso delle mani poiché, avendole nella bocca, l'abilità nel lavoro (ad esempio scrivere, digitare sulla tastiera, disegnare, guidare) viene limitata.

Una lunga abitudine a mangiare le unghie può anche intaccare la sostanza adamantina degli incisivi, promuovendo la comparsa della carie. Si può dire anche che l'onicofagia, pur essendo un abitudine deleteria, previene disturbi come le allergie e contribuisce non poco alla creazione di un sistema immunitario più forte. Inoltre secondo recenti studi, gli onicofagi in percentuale fumano meno rispetto ai non onicofagi.[citazione necessaria]

Cura

Terapia farmacologica

Si è dimostrato come l'onicofagia risponda bene a certi tipi di farmaco. Quelli usati per curare il problema includono i più nuovi e potenti antidepressivi. Questi farmaci sono usati anche nella cura della tricotillomania e del disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) e comprendono clomipramina, fluoxetina, sertralina, paroxetina, fluvoxamina, citalopram, escitalopram, nefazodone e venlafaxina. Anche piccole quantità di antipsicotici usati per curare la schizofrenia come risperidone, olazapina, quetiapina, ziprasidone, e aripiprazole si possono usare per aumentare l'azione degli antidepressivi. SI noti che l'uso degli antipsicotici non indica che il paziente sia in nessun modo psicotico.

Un'altra opzione richiede l'uso della vitamina B inositol, che riduce l'impulso del mordere esaltando l'attività della serotonina nel cervello. Serotonina che può essere anche coinvolta dei processi dell'OCD.

Terapia comportamentale

Alcuni pazienti hanno trovato beneficio nella terapia comportamentale sia da sola che come complemento a quella farmacologica. La prima parte della terapia per l'onicofagia consiste nel HRT (Habit Reversal Training), un processo in quattro fasi che cerca di far "disimparare" il vizio e possibilmente sostituirlo con un comportamento più costruttivo. In aggiunta al HRT, è usata anche la terapia del controllo degli stimoli sia per identificare che per eliminare lo stimolo che fa scattare l'impulso.

Si è verificato che i sintomi sembrano rispondere meglio ad una combinazione delle due terapie.


Curiosità

  • L'onicofagia, secondo la teoria freudiana, è un sintomo di fissazione orale.
  • In alcune culture è considerata un vizio imbarazzante.

inserita da: il 20/02/2008

Torna Indietro

     
 
Sei un ricercatore ? Sei un medico ?
Vuoi collaborare scrivendo un articolo su
Dermatologia Genitale ?
Entra nell'area editori.
 
Inserisci il tuo indirizzo e-mail, per ricevere gli aggiornamenti di Dermatologia Genitale.

® 2007 Dermatologia Genitale. Tutti i diritti sono riservati.